Escursione sociale del 04 OTTOBRE 2020

CICLOTURISTICA LA CAMPAGNA MANTOVANA, IL FIUME PO, L’OGLIO E SABBIONETA

 

 

DOVE ANDIAMO, AMBIENTE E STORIA:


Bellissimo itinerario che si sviluppa tra due importanti fiumi, il Po e l’Oglio, su argini ciclabili e stradine a
bassissima percorrenza, attraversando la campagna mantovana tra pioppeti, ponti costruiti con zattere e
barche per giungere infine a Sabbioneta, patrimonio mondiale dell’Unesco e città ideale di Vespasiano
Gonzaga.

PROGRAMMA DELLA CICLOTURISTICA:


Partiamo da San Giacomo lungo la ciclabile del Po, oltrepassiamo San Nicolò ed in breve raggiungiamo il
paese di Borgoforte per una breve sosta.
Riprendiamo a pedalare lungo le rive del Po e arriviamo alla confluenza con il fiume Oglio, la vista sul corso
d’acqua è spettacolare. Giungiamo in località Torre d’Oglio con il famoso ponte di barche, lo percorriamo in
veloce e divertente discesa, ammiriamo l’oratorio del Correggioli; San Matteo delle Chiaviche (km. 28, nel
comune di Viadana) con l’area golenale il cui nome si rifà all’impianto idrovoro che prende acqua dall’Oglio
per irrigare le fertili campagne circostanti; Commessaggio con anch’esso il ponte di barche, il Torrazzo fatto
erigere da Vespasiano Gonzaga, oltrepassiamo il ponte di barche svoltando a sinistra lungo il canale
Navarolo, ci immergiamo ancora nella campagna mantovana su facile sterrato. Oltrepassiamo il paese di
Villa Pasquali, attraversiamo la provinciale e pedalata dopo pedalata mentre i dettagli si perdono e le case
sembrano un impasto di colori caldi si arriva, quasi improvvisamente, a Sabbioneta. Edificata tra il 1556 e il
1591 per volere di Vespasiano Gonzaga, la “piccola Atene” del Rinascimento, “la città ideale”, come è stata
definita. Si sbuca direttamente in piazza Ducale che si svela in tutta la sua bellezza con il Palazzo Ducale
simbolo della sua grandezza. Visitiamo esternamente la cittadina facciamo una sosta e da li ripartiamo
percorrendo l’antica strada Vitelliana, l’antica strada romana fatta costruire dal preconsole Vitellio, notando
l’eremo di San Remigio edificato nel XVII secolo per i pellegrini che si recavano a Roma. Arriviamo a
Commessaggio dove ci sarà il pullman ad attenderci. Tutto il percorso si svolge su ciclabile o su

PROGRAMMA COMPLETO

POSTI LIMITATI AI PRIMI 13 SOCI CAI ISCRITTI, OLTRE I DUE CAPIGITA

ISCRIZIONI CHIAMANDO IN SEGRETERIA NEGLI ORARI DI APERTURA ALLO 045 803 0555 – INFO AL NUMERO DEL CAPO GITA SULLA LOCANDINA