Escursione sociale del 11 OTTOBRE 2020

SENTIERO DEI GRANDI ALBERI _ ALTE VALLI VICENTINE

 

 

DOVE ANDIAMO, AMBIENTE E STORIA:

Il sentiero dei Grandi Alberi, sull’altopiano delle Montagnole, è una delle escursioni più belle e interessanti delle Prealpi Vicentine e offre spunti di interesse sia dal punto di vista naturalistico che da quello etnografico. Il sentiero si sviluppa ai piedi delle Piccole Dolomiti, a 1000 metri d’altezza, è delimitato a ovest dalla Catena delle Tre Croci e a est dalla Valle dell’Agno, nella zona di Recoaro. Lungo l’intero percorso lo sguardo spazia sul gruppo del Carega, sulla Catena del Sengio Alto, sul Monte Pasubio e sul Monte Novegno.

PROGRAMMA DELL’ESCURSIONE:

Punto di partenza è Recoaro Mille, dal grande parcheggio della Loc. Pizzegoro (quota 1.000 m s.l.m.). Proseguiamo per un centinaio di metri lungo la strada asfaltata, ma presto prendiamo un sentiero nel boschetto che la affianca. Appena ci immettiamo sul sentiero ci troviamo dinnanzi a un grande tiglio, albero sacro nella tradizione germanica, che in dialetto locale viene chiamato linte, che riporta al nome tedesco Linde.

Cominciamo la nostra escursione sul sentiero 120 davanti al Grande Albero, dove la tradizione voleva che si svolgessero riunioni ed assemblee, fosse esercitata la giustizia e venissero celebrate le feste del villaggio. Il sentiero passa su pascoli e malghe, intervallati da altri piccoli tratti di bosco. Il percorso si sviluppa lungo leggeri saliscendi, non ci si accorge quasi del dislivello. In breve tempo giungiamo a malga Anghebe (quota 1.178 m s.l.m.). Davanti ai nostri occhi si apre una bellissima e vasta visuale sulle Piccole Dolomiti, dal Monte Mesole fino al Gruppo del Carega. Passiamo per Malga Ofra e poco dopo per malga Podeme, vicino si trova il laghetto Sea del Risso (altro riferimento alla dominazione germanica, in quanto lago in tedesco si dice sea).

Il sentiero continua sempre con piacevoli saliscendi tra pascoli e piccoli boschetti. Si attraversano ancora altre malghe (Malga Raute, Malga Pace e Malga Rove Alta). Oltrepassata l’ultima malga, dopo un piccolo tratto in leggera salita, si giunge ad un bivio, prendiamo il sentiero 120 che passa davanti a trincee di guerra e grandi Vaj che scendono dal Monte Zevola. In breve, si giunge alla località di Gazza e al Rifugio Battisti (quota 1.265 m s.l.m.).

Il ritorno ripercorre in parte lo stesso sentiero, con delle deviazioni per scoprire nuovi percorsi e

scorci di malghe non viste nell’andata.

PARTENZA: ORE 7:00 VIALE STAZIONE PORTA VESCOVO, 7:15 CASELLO DI VERONA SUD

RIENTRO: ORE 20:00 CIRCA

DISLIVELLI: SALITA 400 m circa DISCESA 400 m circa ORE DI CAMMINO: 5 soste escluse

DIRETTORI DI ESCURSIONE: MARTA MAROLDI (340 254 8481) – ELENA ZORZIN (347 116 6614)

ATTREZZATURA OBBLIGATORIA: Scarponi alti alla caviglia

ATTREZZATURA CONSIGLIATA: Bastoncini da trekking, adeguate scorte di acqua

PROGRAMMA COMPLETO

POSTI LIMITATI

ISCRIZIONI CHIAMANDO IN SEGRETERIA NEGLI ORARI DI APERTURA ALLO 045 803 0555 – INFO AL NUMERO DEL CAPO GITA SULLA LOCANDINA